Il cambiamento per ora non ha fatto il miracolo

Ho atteso tanto questi 10 gg , ho investito la mia salute mentale su questo viaggio, gli ho dato il compito ingrato di ridarmi la voglia di vivere….sono qui da poco, anche se 3 su 10 è già una bella quantità, ma nulla è cambiato, o forse sì , …ho nostalgia di casa , di quella casa, che sentivo pesarmi addosso, ma che, ora mi rendo conto, riusciva a darmi anche attimi di serenità , la gioia di qualcuno che tornava per stare con me, i miei spazi coccolosi, la mia gatta selvaggia , che dopotutto mi vuole anche un po’ bene…insomma la mia routine quotidiana dove non ho bisogno di giustificare un pianto dopotutto è la situazione ideale…per cosa ? Non so …forse per impazzire completamente come temo….o forse ho solo bisogno di chi mi sta accanto ormai da quasi tutta la vita e per cui ho vissuto, sofferto, gioito, lavorato, lottato, ignorato, discusso, sognato, imprecato….la sua assenza, in questo momento, mi fa sentire “piccola, vecchia, incerta” … O è solo la “location” che non riesce a farmi smettere di pensare ai problemi , anzi li amplifica con altre cose negative ?

Il tempo sarà il giudice….mentre il mio adorato mare , mi sta spaventando…assurdo…cosa mi sta succedendo????

 

Annunci

COME TANTI ANNI FA ….

2004 …12 anni or sono…ma questa mattina , mi sembra di essere tornata su quella scala…

Qualche anno prima …Finalmente avevo avuto una casetta mia , o meglio sarebbe stata mia a fine mutuo.  Lavoravo tanto, giorno e notte, c’erano problemi come per tutti, ma io mi sentivo forte, amata, viaggiavo, sistemavo il mio piccolo e bellissimo giardino, weekend al mare , spesso sola o con mio marito, perché la figlia adolescente preferiva rimanere a casa con gli amici…era tutto nuovo , pulito , fatto su misura su miei disegni, conti, per sistemare ciò che avevamo , per utilizzare senza spendere in previsione di un domani in cui avremmo pian piano sistemato le stanze con mobili giusti, etc. Poi pian piano qualcosa comincia a stonare, ma sono tanto impegnata…poi il brutto incidente in cui mi salvo perché qualcuno mi ha protetto , nella mia testa mi ha dato la vita per la seconda volta…ma da quel giorno , anche se sembra che tutto sia perfetto cominciano problemi, avvenimenti strani, sensazioni spiacevoli.

Vengo finalmente assunta, ma da lì cominciano atteggiamento negativo capi e insoddisfazioni mie perché mi trattano coma una pezzente, dopo tanti anni…

2003 …durante una pizza a fine anno , mio marito mi dice che forse è meglio vendere la casa…troppe scale….lavoro non dà risultati sperati….non capisco…fino a ieri eravamo media borghesia in ascesa , oggi stiamo diventando poveri….no stai tranquilla è solo un’idea…

San Valentino ….la telefonata…la pizzeria brucia …pompieri dichiarano inagibile il locale … Pochi giorni  … è un pomeriggio grigio di marzo suona il campanello…è l’ufficiale giudiziario che mi comunica che la casa è del tribunale e saremo convocati per dirci quando dobbiamo lasciarla per l’immissione in asta….viene fuori che abbiamo dichiarato fallimento e tutti i debiti , causa firme fatte in buona fede , sono a nome mio….La casa viene lasciata a se stessa..non c’è più motivazione a sistemare , pulire, etc. Penso di andarmene …ma per tante ragioni, decido rimanere senza forse rendermi veramente conto di cosa mi aspetta…mia figlia decide di partire per l’estero…il 10 marzo dobbiamo essere altrove…non ci sono soldi se non il mio misero stipendio …il mare salta, la roulotte in rimessaggio…io trascorro le ferie di agosto con le persiane socchiuse a spiare i vicini “felici” ed a piangere chiedendomi cosa faremo …

Sono passati 12 anni , duri, tristi, faticosi, tante cose sono cambiate, prima in meglio e da 3 anni or sono in peggio…e ci risiamo…non perdo la casa…per ora perdo lavoro insieme a salute … Mio marito anche oggi dice non ti preoccupare ma io so che non è vero…ci risiamo…non so come ma so che ci aspettano tempi duri, più degli ultimi 4 che gia’ non sono stati splendidi. Mia figlia ormai vive lontana,mio marito è molto più vicino di allora , ma io non ho più la forza di allora…mi alzo con angoscia, ingurgito compresse X andare avanti , ma la casa, non mia, è un campo di battaglia…non ho più voglia…ho paura di avere grossi problemi di salute , oltre quelli ufficiali…ho paura ad uscire…vorrei fare na non ci riesco e ricomincio a guardare i vicini “felici”…. Scrivo, piango, dormo troppo, non ho fame, non ho voglia di niente, detesto tutti, ho paura…come 12 anni or sono…. Ma ora siamo più vecchi ed entrambi senza lavoro sicuro….amici volati via…mia figlia, unica nota positiva sta facendo grandi cose…abbiamo deciso mesi fa che sarei andata da lei in giugno per 10 giorni…ed ora mancano 3 gg ed io temo non riuscire neppure preparare le mie cose…La mia testa fa tanta fatica a coordinare il tutto ….Ce la devo fare…per me, per te,per lei, che sta finalmente dimostrando quanto mi voglia bene.  E allora? Non so…vedremo…-3 .. Tutto da fare…AGAIN HELP FROM THE SKY, PlEASE!!!!

 

 

 

HELP…ALONE I’M NOT ABLE

Buon lunedì e buona settimana
Scrivo per tutti “gli amici” che vorranno aver voglia di leggere

Molti di voi mi hanno conosciuto molto tempo fa, quando Tiziana era una persona allegra, indipendente, super efficiente , sempre pronta per chi aveva bisogno e che non chiedeva mai aiuto, anche se non sapeva più dove sbattere la testa….naturalmente anche allora , la vera Tiziana aveva poco autostima, paura, ma riusciva a vincere tutto questo , sorretta da affetti presenti, dalla necessità di dare il meglio a tutti per essere accettata, ammirata ….
La vita, come per molti , non è stata benevola, sotto certi punti di vista, con me , anche se naturalmente c’è chi è stato massacrato ancor di più di me…
Poi, gli anni son passati, molto di ciò che avevo conquistato con duro lavoro, se ne è andato….le tante persone , che mi circondavano e vivevo come amici su cui contare, si sono pian piano dileguati, un po’ perché se la vita ci porta su strade diverse devi crederci per mantenere vivi i rapporti, che invece spariscono se erano solo fondati sulla casualità o bisogno o comodità o…non so… Certo, chi mi sta accanto ogni gg ormai da una vita, ha assunto un atteggiamento, dovuto a voler cancellare le sconfitte, ma che forse è stato vissuto come volontà di chiudere con il passato, che lo conosceva vincente , e ricominciare da chi non sapeva.
Non sono mai stata d’accordo su questo atteggiamento, ma mio malgrado ho dovuto prenderne atto per il quieto vivere, così come per tanti altri aspetti della mia vita quotidiana. O comunque non ho avuto la forza per contrastarlo. Mea culpa.
Nello stesso tempo, tutte le mie certezze, più acquisite, che innate, hanno cominciato a gridare vendetta e a scemare dentro di me…
Mi sono lasciata andare, forse perché avevo esaurito le forze per combattere. La Tiziana ormai cinquantenne, ha perso suo malgrado la voglia di lottare, senza rendersene veramente conto, ed ha cominciato a chiudersi nel silenzio di una casa vuota, perché il mondo le faceva paura…
Ma questo è un circolo vizioso, non risolve, peggiora ogni gg di più , spesso sotto il falso mito”adesso devo pensare un po’ più a me”.. In realtà ,oggi il risultato è una persona amara, demotivata, che vive in un’eterna incertezza una vita senza obiettivi , senza desideri, senza tutto….si guarda intorno e tutto è più grande di lei, almeno così lo vive, spreco giornate a cercare una forza, che solo una vita diversa e che qualche “sfiga” in meno mi può dare…
Una persona talmente affranta, che si crogiola nel suo vittimismo e che la mattina non ha voglia di alzarsi, perché tutto sembra faticosissimo, inutile e in completa solitudine, che forse io stessa ho contribuito a creare…
Quindi , amici , conoscenti , parenti, colleghi,etc, quella Tiziana che conoscevate non c’è più , o per lo meno , sta cercando con pochi risultati di trovare un’alternativa piacevole, per se stessa e per chi la circonda…pochi ormai…
Nella speranza, di risalire questo profondo pozzo nero, dove stanno solo dolore e paura, vi auguro il meglio e lo auguro anche a me, con un piccolo barlume di ottimismo, per rinascere non più Fenice , ma almeno capace di reinventarmi un’identità positiva, adeguata alla mi età anagrafica, e a crearmi dei nuovi obiettivi , piccoli ma che possano farmi tornare la voglia di “fare”, sorridere e far star bene chi mi circonda
So che il primo passo è riconciliarmi con il mondo, che anche la malattia ha spinto a negare ….
Il mondo , forse, mi darà la possibilità di incontrare persone e situazioni , che mi aiuteranno a ritrovare la forza di andare avanti
Per ora saluto tutti, sempre sperando che qualcuno di voi abbia la voglia di AIUTARMI ( chiedo aiuto, prima novità!!!!!) a tornare “in circolo” e ad avere la capacità di ristabilire
rapporti vecchi e nuovi, con cui ridere e stare bene.
Il passato è andato e devo guardare avanti…
Non so ancora come fare…RICHIEDO AIUTO FISICO E MORALE a chi mi vuole bene, se ancora c’è , ma come Tiziana , vecchia X anagrafe, ma nuova X aspirazioni….!!! Buona estate!!!!🤔😥🙏🏾🙏🏾🙏🏾🙏🏾🙋🏻😔❤️😘😘😘😘😘🤔

Il passato…

Perché si ripensa al passato ? Con nostalgia ? Perché lo riviviamo in un alone di colori, odori e altro stupendi, annullando ciò che di negativo ovviamente c’era ?

Perché il presente non ci piace  ed il futuro ci appare come un buco nero!

Da troppo tempo – o forse da sempre? – vivo nel passato…idealizzandolo…

INFANZIA …pochi ricordi e ancor meno revival…ovviamente …niente affetto, niente coccole, tanti ordini, obblighi, ceffoni e urla …cosa si può rimpiangere? Un caro amico,  il pattinaggio , unico svago permesso , il mare con libri, nuoto, parole crociate e sole… La scuola perché non avevi problemi a capire e ti divertivi con i tuoi coetanei , unici che potevi frequentare è solo lì …quando finiva …tristezza, disperazione…solitudine, in attesa del mare …sola con libri , nuoto e bagni di sole…anche qui coetanei no …a nessuno era concesso avvicinarsi , non potevo giocare a pallavolo o altro, perché c’erano i maschi , quelli che avevano rovinato la giovinezza di mia madre e dunque da eliminare per la figlia, per quell’automa adolescente che non “era in grado di sapere cosa era meglio” , per cui da tenere legata al guinzaglio….tanta rabbia, dolore, pianti silenziosi sul terrazzino mentre vedevo i ragazzi della pensione giocare a carte …poi la passeggiata serale con golfino sulle spalle, come le signore di mezza età , riposo su panchina , commentando il passaggio e poi a dormire e piangere guardando la luna , che illuminava la spiaggia , dove ancora si sentivano le risate dei ragazzi… Poi si tornava in città e per 2 mesi si aspettava che scuola riaprisse per avere qualche momento di autonomia….Perché ricordare questo?????? Anzi nascondere nel più profondo del cuore e della mente… Un giorno tornano con rabbia ed acredine , quando dovresti essere matura e comprensiva verso anziani e ti senti in colpa, perché al contrario scatta tutta la rabbia e vorresti far pagare tutto quel dolore , che ha segnato  per sempre la tua vita…..

SEGUE…ORA È TEMPO DI ANDARE

 

DOMENICA POMERIGGIO….

Domenica pomeriggio di maggio …sole , temperatura ottimale, 2 merli che si rincorrono tra il verde del giardino….
un ricordo struggente di un lontano passato…. Il sole fra gli alberi , dove cantano gli uccellini ed a pochi passi la spiaggia ancora un po’ in assestamento X l’estate ormai prossima…Una giovane coppia con la sua piccolina , che corre allegra e spensierata con i suoi amichetti… La spiaggia ancora non serve …bastano le stradine ombreggiate del camping, il parco giochi, la biciclettina e gli amici…..Il pomeriggio ancora lungo …poi il wknd iniziato venerdì sera sarà finito, ma fra 7 gg si ripete e fra 15/20 gg ci si trasferisce qui fino a settembre…la natura è rigogliosa, le strutture imbiancate di fresco, molte piazzole sono ancora vuote o hanno i caravan chiusi , xchè questo wknd , come sempre, non tutti sono venuti….ma fra qualche settimana sarà tutto aperto , i vasi dei fiori, degli aromi, le griglie X il barbecue pronte, le biciclette appoggiate agli alberi, i gazebo languiranno al sole , mentre qualcuno farà la siesta e gli altri si crogioleranno in riva al mare …ora basta la piazzola vuota di fronte X leggere un bel libro allungati sulla brandina al sole…non si suda…c’è ancora l’arietta frizzante anche se il sole limpidissimo sparge raggi infuocati….
Alzi gli occhi e vedi di nuovo il giardino, la micia che dorme spaparanzata sulla sedia tra ombra e sole e tu cerchi di assaporare la quiete interrotta solo dal fischiettare degli uccelli e dalla voce di qualche bambino in altri giardini…
La tua piccolina, oggi giovane donna , lontana lontana …
Un groppo in gola X un passato che non tornerà e che ti manca tanto….poi pensi che la cucina da sistemare ti aspetta , mentre sei consapevole che fra 7 gg sarà così o forse peggio…la casetta da cui si scorge il mare non c’ è più, i wknd con gli amici e con le urla gioiose dei bambini non ci sono più ormai da molto tempo è mai più ci saranno….
E nonostante il sole, il canto degli uccelli, la temperatura piacevole, etc. hai tanta malinconia dentro…ciò che era non tornerà e pare proprio che nulla di abbastanza piacevole lo sostituirà …
Consoliamoci pensando che è un patrimonio interiore , che nessuno mai potrà cancellare; tanta gente non ha neppure ricordi su cui fantasticare
E ” domani”? Non so….oggi so che vorrei volare nel tempo e nello spazio X ritrovare quella giovane coppia e quella dolcissima piccolina ….
Buona domenica …..

VORREI …MA NON AVRÒ MAI!!!

Sono disperata ..ho solo voglia di piangere …cosa ho fatto della mia vita ? Sparito tutto…non ho amore , vero amore , quello che ho sempre elemosinato, non ho una piccola casa mia da coccolare e farmi coccolare, non ho amici con cui condividere i miei pensieri più profondi , non ho un po’ di denaro che mi permetta di non alzarmi ogni gg con la paura di domani, non ho una figlia che ogni tanto mi abbracci come io facevo con lei da bambina …lei è lontana, per fortuna sembra felice, con i suoi amici, vive un’altra realtà , frequenta altre persone , ha la sua famiglia e condivide i suoi pensieri con altri…non ho la forza di attaccarmi alle piccole cose quotidiane che danno un senso a queste giornate solitarie e silenziose, ho una madre , che mi ha fatto vivere male tutte le passate esperienze e che non si smentisce…nella sua pazzia mi odia , mi offende , mi augura il peggio.. Perché ?? Possibile di tutto quello che ho fatto e sofferto X farlo non sia rimasto nulla? Perché ?? Non ce la faccio più …ho voglia di ridere, stare benino , che qualcuno mi cerchi, ma non xchè ha bisogno , ma solo xchè ha voglia di stare con me …ho proprio sbagliato tutto…ho un magone che mi impedisce persino di mangiare…odio il mondo xchè , nonostante i problemi , ha qualcuno accanto X condividere, X sostenersi a vicenda …

Ho paura della mia testa …di questi brutti pensieri..di questo senso di impotenza…di questa rabbia che ho verso il mondo

Ho PAURA…PAURA …PAURA di me !!!!!